Pensione ed assegno di invalidità

By | 13 novembre 2017

Pensione ed assegno di invalidità : a chi aspetta e le sue caratteristiche

L’assegno mensile di assistenza è previsto dall’articolo 13 della Legge 30 marzo 1971, n. 118. Successivamente modificato col Decreto Legislativo 23 novembre 1988, n. 509 (art. 9) ed è concesso alle seguenti condizioni:

  • Cittadino italiano o UE residente in Italia, o essere cittadino extracomunitario in possesso del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo;
  • età compresa fra i 18 e i 65 anni di età
  • Invalidità dal 74% al 99%;
  • Reddito annuo personale non superiore a Euro 4.800,38 (anche per 2017);
  • Non svolgere attività lavorativa

L’importo dell’assegno mensile previsto per l’anno 2017 è di euro 279,47, pagati per 13 mensilità e non è soggetto a tassazione IRPEF.

La pensione di inabilità è prevista dall’articolo 12 della Legge 30 marzo 1971, n. 118 ed è concessa agli invalidi civili con totale inabilità al lavoro alle seguenti condizioni:

  • età compresa fra i 18 e i 65 anni di età;
  • essere cittadino italiano o UE residente in Italia, o essere cittadino extracomunitario in possesso del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo;
  • avere il riconoscimento di un’invalidità pari al 100%;
  • disporre di un reddito annuo personale non superiore a Euro 16.532,10

La pensione è compatibile con le prestazioni dirette concesse a titolo di invalidità contratta per causa di guerra, di lavoro o di servizio, nonché con gli altri trattamenti pensionistici diretti concessi per invalidità. È inoltre compatibile l’indennità di accompagnamento con l’eventuale attività lavorativa.

Al compimento del sessantacinquesimo anno di età, non si parla più di pensione di inabilità ma di assegno sociale.

In caso di morte dell’invalido la pensione di inabilità non gode del principio di reversibilità in favore degli eredi.

L’importo della pensione di inabilità previsto per l’anno 2018 è di euro 282,47, pagati per 13 mensilità, e non è soggetta a tassazione IRPEF.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *